Guida alla consultazione

 

 

IL SITO

 

PERCHÉ UN ARCHIVIO VIRTUALE

Il Comune di Parma e la sua società di gestione dei cimiteri ADE S.p.A., all’interno delle proprie finalità istituzionali, hanno promosso negli ultimi anni un’ampia indagine conoscitiva sui propri cimiteri, in particolare sul Cimitero Monumentale della Villetta, alla quale si sono avvicendati diversi gruppi di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'Ambiente, del Territorio e Architettura (Università degli Studi) e dell’Istituto Statale d’Arte ‘Paolo Toschi’ di Parma, che hanno analizzato il patrimonio monumentale del Cimitero da differenti punti di vista e prodotto una sostanziosa quantità di materiale.

Il rilievo generale e di dettaglio delle architetture, l’indagine dei documenti d’archivio, la lettura dei frammenti di memoria accumulati nel cimitero hanno condotto ad un lavoro interdisciplinare sfociato nella volontà di rendere fruibile e condivisibile un patrimonio di conoscenza che costituisce una grande ricchezza, non solo in termini quantitativi, ma soprattutto di valore artistico, architettonico, storico e culturale.

L’idea di realizzare un sito web interattivo è scaturita quindi dall’esigenza di ricomporre la grande quantità di materiale censito in una struttura capace di essere sia archivio digitalizzato che museo ‘virtuale’, sia una ‘guida’ facilmente consultabile che porti alla luce la memoria racchiusa nel cimitero, nella quale le molteplici informazioni raccolte (diverse per soggetto e formato) siano organizzate in modo da poterle consultare secondo livelli di approfondimento diversi e percorsi personali.

Quale documento accessibile dalla rete, l’archivio della memoria diventa così un invito alla visita fisica, un biglietto da visita della città e della sua storia, un centro di promozione culturale aperto all’inserimento di ulteriori informazioni.

 

LA TIPOLOGIA DEL SITO

Il sistema informativo che organizza i dati ha la struttura di un data-base, dotato di un’interfaccia leggibile e accessibile al grande pubblico, nel quale si associano livelli e modelli di comunicazione diversi: sia emozionali che critici. Infatti l’introduzione al sito e alcune pagine sono costituite da una narrazione per immagini e musica che guida il visitatore ad un approccio emozionale ai contenuti, mentre per l’organizzazione generale della guida digitale è stato sviluppato un ‘sito web 2d’ che si struttura come un archivio e integra la visita per immagini con schede testuali ed offre la possibilità di organizzare percorsi tematici autonomi mediante collegamenti ipertestuali.

Un sito bidimensionale permette di sospendere la navigazione, per consentire una pausa di riflessione e dare la possibilità di muoversi liberamente tra un percorso e l’altro, diversamente da un ‘sito 3d/flash’ che non permette di seguire i propri ritmi ma conduce la visione secondo un percorso/taglio critico prestabilito.

 

DIVERSI LIVELLI DI LETTURA

Per assecondare i differenti interessi del navigatore si è pensato ad una struttura che dia la possibilità di spingersi nell’argomento in modo graduale.

- I trailer dei temi musicati introducono all’archivio della memoria attraverso i sentimenti e le sensazioni che le immagini del ricordo evocano.

- Le immagini dell’album fotografico permettono una prima conoscenza visiva del Cimitero della Villetta e delle opere in esso contenute.

- Le schede dei percorsi tematici, sviluppate come documenti relativi agli oggetti e ai personaggi, inducono ad un maggiore livello di approfondimento e, mediante i collegamenti ipertestuali (argomenti correlati), permettono di associare informazioni diverse favorendo percorsi personali di lettura e assecondando la curiosità dell’utente.

Insieme alla storia del cimitero offrono una visione sia generale che di dettaglio del Cimitero.

- Gli apparati critici sono sia strumenti di approfondimento (bibliografia, glossari, saggi) che di informazione su progetti recenti, norme e piani.

A supporto e collegamento tra le parti gli apparati web (mappa del sito, pubblicazioni, links, eventi-visite, contattaci)

 

PROSPETTIVE FUTURE

Quale ‘operazione culturale’, questo sito web non rappresenta il punto d’arrivo di una ricerca ma, forse un po’ ambiziosamente, vuole essere un’occasione per la produzione di cultura, ancor più che luogo di conservazione di dati conclusi. L’archivio virtuale raccoglie in sé emozioni e informazioni, le trasmette e le riattiva: è un laboratorio informativo aperto alla rielaborazione personale del fruitore. L’intento futuro è perciò quello di poter rendere la struttura sempre più aperta al contributo degli utenti, anche mediante la possibilità di creare un proprio percorso personale attraverso un login che permetterà di memorizzare i ‘preferiti’ e darà la possibilità di salvare percorsi di visita personalizzati.

 

 

LA STRUTTURA DEL SITO

 

INTRO                                                                                  >>vai

Il primo contatto col sito è mediato da un’introduzione ‘emozionale’ multimediale di immagini del ricordo scattate nel Cimitero della Villetta e accompagnate da un sottofondo musicale. I temi delle fotografie sono raccolti nella pagina dei temi musicati.

 

HOME PAGE                                                                         >>vai

La Homepage è la porta d’accesso all’intero sistema museale. In essa troviamo un invito alla visione dei contenuti fondamentali del sito: il cimitero racconta, la visita breve dei percorsi tematici, le immagini significative tratte dall’album fotografico, la storia del Cimitero.

Inoltre sono evidenziati sia l’aiuto alla navigazione (guida alla consultazione) che gli eventi-visite con gli ultimi aggiornamenti e iniziative particolari.

 

Arte fra terra e cielo

Breve spiegazione sul perché è stata scelta la statua dell’edicola Romanelli come ‘icona’ del sito e sua descrizione.

 

IL CIMITERO RACCONTA                                                  >>vai

È un testo introduttivo di presentazione del sito e delle ricerche che lo hanno costruito, spiega a chi è rivolto e le sue finalità.

 

TEMI  MUSICATI                                                                 >>vai

L’archivio della memoria si disperde tra le pietre dei sepolcri, per riemergere negli spunti offerti da piccoli particolari, capaci di risvegliare il ricordo attraverso i riferimenti figurativi o simbolici del dettaglio ornamentale dei singoli monumenti funebri.

Quando la memoria nasce dalle immagini non segue percorsi lineari, ma evoca una successione di passioni e sentimenti difficili da descrivere e da raccontare con il linguaggio della ragione.

I nove temi musicati evocano queste suggestioni della sfera emotiva con frammenti di immagini impreviste, che saranno accompagnati dalle note dei compositori che riposano tra queste mura.

Nella schermata principale compaiono otto soggetti collegati alle tematiche iconografiche ricorrenti nell’arte funeraria: Morte, Consolazione, Pianto, Preghiera, Vita, Amor di Patria, Devozione, Allegoria. Infine un richiamo all’iconografia funeraria in città nel tema Riti e Miti. Accompagna lo scorrere delle immagini un sottofondo musicale, appositamente arrangiato dal gruppo parmigiano Silentia Lunae.

 

ALBUM FOTOGRAFICO                                                       >>vai

La vista è il senso più immediato della conoscenza fisica dell’architettura. Una carrellata di riprese fotografiche ci racconta l’essenziale del patrimonio monumentale custodito dal recinto del cimitero. Una serie di immagini statiche e dinamiche ci introduce all’interno dell’Ottagono, con le fotografie di oggetti e architetture notevoli, insieme alle ricostruzioni interattive tridimensionali dello spazio interno e dei sepolcri più significativi.

L’album fotografico, costituite da immagini statiche e dinamiche e scollegato dalla mappa del Cimitero, è diviso in diverse sezioni. Capolavori, Immagini 360° (suddivise in 360° concave e 360° convesse), sono una selezione di sepolture e architetture di pregio presenti nella parte Monumentale del Cimitero della Villetta. Le viste aeree sono foto generali concesse dalla CGR (Compagnia Generale Riprese Aeree) dalle quali sono state ricavate anche viste parziali dei singoli settori. Nelle Foto d’Autore si trovano album di fotografie ‘artistiche’ o tematiche tratte dal Cimitero. È possibile pubblicare i propri scatti inviandoli alla redazione (pagina dei contatti).

 

PERCORSI TEMATICI                                                         >>vai

I percorsi tematici si ‘appoggiano’ alla mappa georeferenziata di google, alla quale si è aggiunta la possibilità di una visualizzazione sintetica attraverso la planimetria schematica del cimitero. In generale, gli oggetti schedati sono evidenziati sulla mappa con dei markers che selezionati aprono un banner, anteprima della relativa scheda o della galleria fotografica dell’opera.

I documenti sono presentati attraverso schede testuali di dettaglio, immagini e documenti allegati. La struttura delle schede di testo, con l’individuazione degli argomenti correlati nella parte destra, favorisce il passaggio da un argomento ad un altro permettendo di comprendere in modo più profondo le molteplici relazioni, non solo tra opere, autori e personaggi illustri, ma anche stili ed epoche.

Per chi vuole dare uno sguardo veloce si propone una ‘selezione’ delle eccellenze presenti nel cimitero (la visita breve), per offrire una visita sintetica - ma non superficiale, mentre i percorsi dei sepolcri-microarchitetture e dei protagonisti offrono diverse chiavi di accesso tematiche all’archivio delle schede.

 

Visita breve

‘Visita breve’ offre un primo veloce passaggio sulle memorie del cimitero: una selezione di sepolcri pregevoli e significativi che documentano il livello di progettisti ed esecutori che hanno contribuito alla creazione di un campionario sfaccettato di arti e stili, e in parallelo una carrellata di personaggi illustri tra i tanti che, dopo aver lasciato un segno importante in vita, riposano tra le pietre del recinto della Villetta. Questa scelta, forzosamente incompleta, introduce all'archivio della memoria conservato nel cimitero e ai percorsi critici che ne aiutano la conoscenza.

 

Monumenti

Caratteristica tipica del cimitero è la doppia scala dell’architettura: quella urbana delle grandi strutture di sepoltura, monumento collettivo della memoria civica, e le microarchitetture dei sepolcri, i monumenti individuali che celebrano i singoli attraverso una moltitudine di oggetti, tombe, edicole e altro che raccontano attraverso il disegno e le forme dell’ornamento l’evolversi del gusto, mentre le epigrafi ci offrono uno spaccato di costume e di piccoli gesti quotidiani.

Le sepolture schedate sono raggruppate secondo diverse chiavi di lettura: la più generale è quella legata ai settori-macroarchitetture, ovvero alla posizione all’interno del Cimitero, per i quali è possibile trovare una scheda di descrizione specifica e fotografie a corredo. Gli artefici, gli stili e le epoche sono ulteriori chiavi di lettura per la consultazione ‘archivistica’.

 

settori

La Villetta è un monumento dalla morfologia complessa e scala ambigua: organismo urbano richiuso entro le sue mura e da queste condizionato nella crescita, e allo stesso tempo struttura architettonica organizzata per parti riconoscibili e integrate tra loro.

Prima ancora che nella loro articolazione decorativa, queste parti esprimono nella loro stessa concezione tipologica il riflesso della manifestazione collettiva del culto dei defunti e del sentimento della morte, raccontando le trasformazioni sociali e una progressiva metamorfosi del lutto da partecipazione sociale a dolore intimo richiuso in una dimensione familiare e personale.

Sottocategorie: Campi, Portico Ottagonale, Ampliamenti storici, ulteriormente suddivise nei singoli settori.

 

artefici

Molte mani e molte menti si alternano e si susseguono nella realizzazione delle strutture principali e dei singoli sepolcri. Sono gli stessi artefici che lavorando nella città dei vivi contribuiscono a trasformarla e modernizzarla: i progettisti delle architetture, gli esecutori della costruzione, gli artefici dell’ornamento, gli artisti chiamati a creare i monumenti celebrativi integrati nel sepolcro. Tutti gli artefici sono accomunati da notevole perizia tecnica e grande manualità che trovano espressione nella qualità dei disegni d’archivio come nell’eleganza delle realizzazioni.

Sottocategorie: Progettisti, Artisti ed Esecutori

 

stili

Il cimitero è un accumulo di memoria espressa dalla sedimentazione di segni che si concretizzano nelle microarchitetture dei sepolcri e nei monumenti che li arricchiscono, con una fioritura di oggetti di scala e concezione diversa che offre un campionario articolato degli stili degli ultimi duecento anni. Sono testimoni di un profondo rinnovamento formale e di correnti artistiche che l’arte funeraria interpreta in modo appassionato nel decorativismo e nella scultura, in modo più timoroso nella ricerca di nuove forme costruttive, spesso fondendo simboli, modelli e riferimenti.

Difficile, se non impossibile, una catalogazione rigida perché ogni sepolcro riunisce dettagli stilistici diversi, denunciando spesso un forte ancoramento al passato che si traduce, almeno in architettura, in un certo ritardo nell’adesione alle nuove correnti formali.

Sottocategorie: Contemporaneo, Déco, Eclettismo, Liberty, Liberty-Déco, Moderno, Neoclassico, Neogotico, Neorinascimentale, Neoromanico, Razionalista, Revival classico

 

epoche

Le edicole e le tombe di famiglia offrono un notevole campionario di stili, ma hanno provocato la progressiva riduzione dei campi di sepoltura, ormai completamente negati alla vista dai percorsi  principali dell'Ottagono. L'espansione dell'edificato si intensifica  nel dopoguerra, riflettendo all'interno del cimitero la crescita  incontrollata e lo scadimento di qualità della periferia urbana. Ma  all'interno del recinto, rispetto alla città dei vivi si invertono i  concetti di ‘centro’ e di ‘periferia’ e alle sepolture comuni a  terra, accerchiate e quasi rinnegate dalle nuove costruzioni, resta  uno spazio sempre più esiguo. Nei campi saturi si perde la dimensione misurata e misurabile del  portico e la perdita dei riferimenti ordinari dell'orientamento  fisico  smaterializza lo spazio della memoria.

Sottocategorie: XIX sec. - prima metà, XIX sec. - seconda metà, XX sec. - prima metà, XX sec. - seconda metà, XXI sec. - inizi

 

Protagonisti

Il cimitero racconta, attraverso i monumenti che ricordano le gesta dei cittadini, la vita della città: la memoria individuale celebrata dai sepolcri offre uno spaccato fedele delle trasformazioni sociali e del gusto, sottolineando la partecipazione dei singoli alla vita della collettività attraverso l’esercizio di attività specifiche e distintive nelle arti meccaniche e liberali, nelle scienze, nell’amministrazione e nella difesa del bene comune e dello Stato, nel sacrificio personale, nella preghiera e nella dedizione agli altri.

Ogni oggetto è il segno di una storia particolare, dietro c’è il ricordo una persona che non ha vissuto solo per sé, lasciando qualcosa alla sua città.

Anche il percorso ‘Protagonisti’ è organizzato in schede. Queste sono costituite dalle biografie dei personaggi illustri con collegamenti al loro sepolcro e, nel caso di progettisti ed esecutori che hanno lavorato e sono sepolti nello stesso Cimitero, ad altri monumenti legati alla loro produzione artistica.

Sottocategorie:Arti applicate, Musica e teatro, Lettere, Scienze, Professioni Liberali, Società, Imprenditoria, Politica, Militari, Associazioni, Chiesa.

 

Mappa fotografica

La mappa fotografica permette di visualizzare direttamente dall’immagine zenitale dell’Ottagono le viste di una selezione di oggetti significativi per il loro interesse formale, per una prima occhiata in uno scrigno colmo di gioielli da conoscere, ricchi di dettagli da scoprire poco per volta. É un breve campionario dei segni materiali della memoria accumulata nel cimitero, fugace immagine della varietà che l’immaginazione e la mano degli autori hanno saputo creare, l’invito virtuale alla visita fisica per scoprire nuovi tesori.

La collocazione dei punti di ripresa delle fotografie dei capolavori, delle  immagini 360° concave e 360° convesse (già presenti nell’album fotografico) è georeferenziata sulla planimetria del Cimitero della Villetta.  Una selezione incompleta, sia pur suggestiva, che invita alla visita e all’approfondimento della conoscenza.

 

STORIA DEL CIMITERO                                                    >>vai

Attraverso i riferimenti alla vita dei cittadini, il cimitero racconta la storia della città e i suoi artefici, attraverso la partecipazione alla vita pubblica e agli avvenimenti importanti degli ultimi due secoli e il ricordo delle battaglie dei suoi cittadini per la giustizia e la libertà, dall’indipendenza nazionale alle lotte per la giustizia sociale.

La stessa fondazione del cimitero costituisce un segno importante dell’ammodernamento napoleonico, confermato dall’opera della duchessa Maria Luigia, già moglie dell’imperatore, che diede esecuzione all’editto di Saint Cloud.

La storia del Cimitero è narrata attraverso testi, immagini, documenti d’archivio, ma anche componimenti poetici e opere d’arte che evidenziano l’importanza della ‘città dei morti’, soprattutto per i vivi.

 

Testi della crescita

Si trovano schede testuali corredate dalle mappe storiche che raccontano la fondazione e la costruzione del Cimitero e i successivi ampliamenti.

Sottocategorie: Il progetto, Il cantiere, La crescita, La tipologia

 

Video della crescita

Racconto visivo inerente l'Ottagono Monumentale e gli ampliamenti storici della Villetta. Si tratta di un modello 3d estremamente semplificato, realizzato con l’intenzione di mostrare la saturazione avvenuta nel tempo dello spazio interno del cimitero e la conseguente alterazione percettiva del porticato ottagonale; la cui simulazione fotorealistica – che sembra essere una delle caratteristiche distintive di quello che oggi comunemente viene definito “museo virtuale” – sarebbe risultata eccessiva.

 

 

Cronologia degli interventi

Elenco ordinato per data delle fasi costruttive e degli interventi di manutenzione, decorazione ecc. eseguiti all’interno del Cimitero della Villetta.

 

Regesto documenti

Elenco documenti riguardanti il Cimitero della Villetta divisi per argomenti, consultabili presso l’Archivio di Stato, l’Archivio Storico Comunale e la Biblioteca Palatina di Parma.

 

Carme

‘La Villetta o il Campo Santo di Parma’ è un componimento poetico scritto da Michele Leoni nel 1828, conservato presso la Biblioteca Palatina di Parma.

 

Iconografia

Raccolta di opere d’arte e documenti iconografici inerenti al Cimitero della Villetta.

 

EVENTI-VISITE                                                                   >>vai

È possibile trovare informazioni sugli aggiornamenti del sito, sull’inserimento di nuovi saggi o su iniziative particolari collegate alla Villetta.

 

GLOSSARI                                                                            >>vai

In questa sezione sono raccolti il glossario ragionato dei termini funerari (Glossario Funerario), il glossario dei termini architettonici utilizzati per definire gli elementi costituenti i manufatti presenti nella Villetta (Glossario Architettonico) e il glossario dei termini di iconografia funeraria all’interno dell’Ottagono Monumentale (Glossario dei Simboli). Il traduttore del lessico funerario (Glossary EFFS - European Federation of Funeral Services) permette di trovare la traduzione di un termine in italiano, inglese, tedesco, spagnolo e francese.

Un motore di ricerca all’interno della sezione permette di visualizzare in modo rapido il lemma cercato.

 

BIBLIOGRAFIA                                                                    >>vai

La bibliografia è divisa in sezioni dal tema generale dei cimiteri allo specifico del Cimitero di Parma.

Raggruppamenti: iconologia e simbologia, storia della sepoltura, normativa, architettura, cimiteri europei, cimiteri d'Italia, guide, cimiteri di guerra, cimiteri acattolici, piani e progetti, cimiteri parmensi, Villetta.

 

SAGGI                                                                                   >>vai

Sono raccolti in questa sezione numerosi saggi critici frutto dell'attività di approfondimento e ricerca svolta, separatamente, da diversi studiosi nel corso degli ultimi anni. Si tratta di articoli su riviste, interventi a convegni specialistici, tesi di laurea e di dottorato di ricerca, pubblicazioni sul Cimitero della Villetta. Vengono riportati come prezioso contributo alla conoscenza del tema cimiteriale e del dibattito in corso.

Va tuttavia ricordato che i diversi contributi rispecchiano l'opinione dei singoli autori, che se ne assumono la responsabilità. Possono anche riscontrarsi discordanze di date o attribuzioni tra i vari contributi riportati e tra questi e le schede del sito. Solo queste ultime sono frutto del lavoro congiunto della redazione e rappresentano l'ultimo aggiornamento sulla materia.

 

PROGETTI RECENTI                                                          >>vai

In questa pagina sono schedati sinteticamente i progetti di riqualificazione o di ampliamento che interessano il Cimitero della Villetta e tutti i Cimiteri del Comune di Parma.

 

NORME E PIANI                                                                 >>vai

Sezione che raccoglie sia la normativa storica (il Decreto Sovrano riguardante ai Cimiteri ed a’ Seppellimenti del 1819) che i piani cimiteriali attualmente in vigore (PCm e PPO).

 

CONTATTACI                                                                       >>vai

Il sito, nell’ottica dell’archivio virtuale ‘aperto’, rappresenta un contenitore che può essere arricchito da tutti coloro che vogliono aggiungere conoscenza e renderla pubblica, siano essi studiosi o ricercatori che cittadini che vogliano contribuire con racconti e testimonianze della famiglia o materiale riguardante i monumenti.

Di qui, un invito all’approfondimento e all’integrazione delle schede che può avvenire contattando e spedendo direttamente il materiale alla redazione.

 

CREDITS                                                                               >>vai

La pagina riporta le informazioni sui curatori e realizzatori del sito. Il materiale del sito può essere usato gratuitamente, purché se ne citi la fonte.

 

LINKS                                                                                   >>vai

Pagina che raccoglie tutti gli indirizzi dei siti correlati: vi si trovano i collegamenti ai siti web degli enti che hanno collaborato alla ricerca e i links ai siti dei cimiteri monumentali d’Europa.

 

PUBBLICAZIONI                                                                 >>vai

In questa pagina si trovano i dati riguardanti le pubblicazioni in commercio sul Cimitero della Villetta.

 

MAPPA DEL SITO                                                                >>vai

La Mappa del sito ne rappresenta la struttura generale mediante l’elenco ordinato di tutte le informazioni presenti nel sito.

 

MOTORE DI RICERCA                                                        >>vai

Il modulo di ricerca interno al sito dà la possibilità di individuare in modo diretto, senza navigare tra le schede, l’argomento cercato. Viene visualizzata una pagina dei risultati, se non sono soddisfacenti si può accedere ad una ricerca avanzata tramite campi da compilare o scegliere per mostrare, ad esempio, tutte le occorrenze di una parola rilevante.

 

 

Attenzione: per gli utenti che non riescano a caricare il plugin di Google Earth, si avvisa che è possibile richiamare le singole schede dal motore di ricerca o dall’album fotografico.
 
CREDITS LINKS PUBBLICAZIONI MAPPA DEL SITO Powered by ItCity spa
CopyRight 2009